Il bottino di quest’anno ðŸ“š

Annunci

La Balena della Tempesta in inverno di Benji Davies

Vi ricordate di Nico e della sua amica balena? Ne era passato di tempo da quando l’aveva salvata dalla tempesta. Spesso ne aveva nostalgia tant’è che immaginava di vederla in ogni sagoma..ma ogni volta era sempre qualcos’altro.

IMG_0709

Nella nuova avventura..

Il padre di Nico, come sempre, uscì col suo peschereccio nonostante il mare stesse ghiacciando a causa dell’inverno. Al calar del sole, Nico si mise in finestra aspettando il suo rientro. Non vedendolo tornare cominciò a preoccuparsi. Improvvisamente dalla finestra della sua camera vide qualcosa..doveva essere per forza il suo papà, così corse subito fuori. Più camminava e meno vedeva a causa della tempesta di neve. Si spinse talmente avanti che alla fine si perse.

IMG_0714

All’improvviso pero’ vide una sagoma, era il peschereccio del papa’ incagliato nel ghiaccio. La barca era deserta e non sapendo cosa fare comincio’ ad avere paura.

Fino a quando TUMP! Qualcosa colpì la barca..Era la balena che insieme alla sua famiglia era venuta in soccorso di Nico! Tutte insieme spinsero il peschereccio fino alla riva di un faro dove Nico trovo’ suo padre e pote’ riabbracciarlo!

IMG_0721

La balena che era stata salvata da Nico, e alla quale aveva dato riparo e affetto, aveva ricambiato il favore aiutandolo a ritrovare il papà. I due parlarono spesso della tempesta di neve e della sua amica ritrovata, tanto che Nico decise di ribattezzare il peschereccio “La balena della Tempesta”.

IMG_0728

Un libro molto dolce che parla di una forte amicizia che si consolida nel tempo, e del forte legame padre-figlio.

Consigliato dai 5 anni

Per chi si fosse perso il racconto precedente vi aggiungo il link diretto alla recensione 😊

➡️ https://naner8la.wordpress.com/2017/01/20/la-balena-della-tempesta-di-benji-davies/

Facciamo i colori & I regali della natura di Helena Arendt

Se siete alla ricerca di libri che vi diano spunti per creare delle attività con materiali naturali vi consiglio questi due testi:

Facciamo i colori offre una serie di proposte per creare tinte naturali partendo da elementi quali i fiori, le piante o la terra. Le fotografie (veramente ben fatte) spiegano passo passo come estrarre le varie tonalità dai fiori e crearvi dei gessetti colorati, inchiostri o trucchi per il viso.

“I regali della natura” invece si concentra su quei materiali (chiaramente trovati in natura) che possono dare luce a idee molto più elaborate. Oggetti decorativi, cibi, bevande o anche dei regali speciali.

Tante diverse proposte a partire da un fiore, per creare delle saponette alle erbe, delle collane di fagioli o ancora sculture di argilla.

I libri sono rivolti a coloro i quali vogliono sperimentare, creare o reinventare materiali partendo da elementi naturali.

Li ho utilizzati spesso al nido per creare colori atossici anche per i più piccoli😊

Guizzino di Leo Lionni

In fondo al mare viveva una famiglia di pesci. Erano tutti rossi tranne uno, il suo nome era Guizzino, ed era nero come una cozza e velocissimo a nuotare. Un giorno un tonno sbucò dal nulla e si mangiò tutto il branco.

img_0079

Guizzino che era il più veloce di tutti riuscì a scappare in tempo. All’inizio era solo, triste e spaventato, ma poco a poco, prese coraggio e andò ad esplorare le meraviglie del mare. Questo lo rendeva felice.

IMG_0087.jpg

Girando incontrò un gruppo di pesci rossi, uguali al suo primo branco. Chiese loro di esplorare il mare come aveva fatto lui in solitaria, ma i pesci del nuovo branco avevano paura di essere mangiati. Guizzino pensò a lungo ad una soluzione, non poteva permettere che i suoi nuovi amici si perdessero i colori e le sorprese che il mare riservava. Così spiegò ai suoi amici cosa fare, si sarebbero dovuti unire tutti insieme e formare un pesce gigante. In questo modo avrebbero potuto scacciare i pesci più grandi senza la paura di essere mangiati, in modo da non dover più rinunciare alle nuove e belle esperienze che il fondale marino nascondeva. 

IMG_0085.jpg

Un racconto che che parla di amicizia, di coraggio e di collaborazione. Di come superare le paure con l’aiuto del gruppo e di come non privarsi delle cose belle che ci circondano😊

Consigliato dai 4 anni

Il Litigio di Claude Boujon

Bruno e Bigio sono due conigli vicini di tana. Inizialmente andavano d’accordo, poi un giorno il Signor Bruno si arrabbiò con Bigio perchè aveva lasciato tutta l’immondizia a terra.

img_0023

Il signor Bigio indispettito, cominciò allora a lamentarsi del volume della radio troppo alto. Ogni scusa era buona per creare nuovi motivi di discussione, finché un giorno, il signor Bruno decise di costruire un muro che li avrebbe separati per sempre!

img_0025

Il signor Bigio furioso, prese un piccone e ridusse il muro in polvere. Così cominciarono nuovamente i litigi. Durante una delle loro liti passò una volpe piuttosto affamata, che vedendo i due conigli discutere, pregustava già una lauta cena.

img_0027

La volpe spiccò un salto verso i conigli che per fortuna si accorsero in tempo del predatore. Rapidi si nascosero in una delle tane, e mentre la volpe cercava di acciuffarli, i due scavavano in direzione dell’altra tana riuscendo così a scappare molto molto lontano.

img_0028

Dopo quell’episodio i due tornarono più amici di prima, discutendo solo per cose davvero importanti.

img_0007

Un racconto che ci insegna che l’unione fa la forza soprattutto quando ci si mette in situazioni scomode da soli! 

Consigliato dai 3 anni (e non solo per bambini!)

Zeb e la scorta di baci di Michel Gay

E’ la storia di Zeb, una piccola zebra che per la prima volta andrà al campo estivo da sola. La partenza è imminente, ma all’improvviso la felicità che aveva caratterizzato i giorni precedenti alla partenza svanisce. Il padre rassicura la piccola zebra dicendole che insieme alla mamma le stanno preparando una scorta di baci da portarsi dietro.


Così mettono un foglio tra le loro bocche e danno entrambi un bacio, dal lato del rossetto ci sarà il bacio della mamma, dal lato vuoto quello del papà. Zeb ora è pronta per partire. Nel pullman qualche suo amico viene colto dalla nostalgia e le maestre sono pronte a consolarlo, ma una amica di Zeb è davvero triste e nemmeno la maestra più brava riesce a tranquillizzarla.


Zeb allora le offre un baciocaramella dicendole che la avrebbe aiutata a farle passare la malinconia. Le altre amiche incuriosite, sentendo di questo baciocaramella, vollero provarlo! Zeb quindi comincia a distribuire i foglietti finché non gliene rimane soltanto uno. Il giorno seguente tutte le zebre vollero fare colazione e giocare con Zeb, la scorta di baci ora non serviva più, perchè in questa prima esperienza fuori casa, c’era troppo da fare e troppo da raccontare!

Un racconto che aiuta i bambini a superare i primi distacchi dai genitori e che ci fa capire quanto sia importante condividere questo momento con degli amici per sentirsi meno soli.

Consigliato dai 3 anni 

A più tardi di Jeanne Ashbe 

Se sei una mamma o un papà almeno un volta ti sarà capitato di dover affrontare un momento di allontanamento da tuo figlio. Se sei una maestra almeno una volta ti sarà capitato di dover cercare di calmare un bambino (e anche qualche genitore! 😉) che per le prime volte saluta la sua mamma o il suo papà prima dell’ingresso a scuola. In libreria si trovano tantissimi testi sull’argomento e sulla teoria siamo tutti preparati, ma sul più bello capita di aver bisogno di un piccolo aiuto per far passare ai bambini le giornate in maniera più serena. 

A più tardi di Jeanne Ashbe racconta in maniera semplice e chiara la giornata tipo di Milo e Anna.


Dall’accoglienza alla merenda, dal pranzo alle ninne, fino all’arrivo di mamma e papà. 

 


Immagini e brevi didascalie efficaci che descrivono ciò che vive un bambino a scuola. Utile per gestire situazioni di “emergenza”ad inizio anno o dopo diversi giorni di vacanza come le feste natalizie, o semplicemente da leggere ogni volta che se ne sente la necessità. Questo testo a mio avviso dovrebbe essere presente in ogni asilo o scuola dell’infanzia 🙂

Consigliato dai 2-3 anni